I DOLCI DI BERTI E LA MONTAGNA CHE RINASCE

La magia delle ricette tradizionali di una piccola azienda di Fontanigorda stanno facendo riscoprire le bellezze della Valtrebbia

La storia di questo panificio comincia nel 1896, quando Luigi Ferretti, bisnonno di Stefania, decise di intraprendere un'avventura commerciale: la creazione di un pastificio artigianale. Con il tempo figli e nipoti si sono susseguiti incrementando l'attività commerciale, creando un loro punto vendita a Fontanigorda con un forno fisso per la panificazione.
Il lavoro continua durante la seconda guerra mondiale e nel primo dopoguerra fino al 1988, quando Stefania e suo marito Marcello rilevano l'azienda di famiglia, scrivendo un nuovo capitolo di questa storia targata "Berti".

Da quel lontano 1896 sono ormai passati più di cento anni, durante i quali l'attività si è evoluta percorrendo sentieri moderni e tecnologici, ma senza perdere di vista le proprie origini e custodendo gelosamente le tradizioni. Un'opzione sulla qualità che ha portato il marchio ad ottenere un successo inaspettato e che rende un intero paese orgoglioso della sua gente, determinata, instancabile, capace di voli straordinari. Oggi è tutta la montagna a gioire e ad avere nuova speranza. I disastri provocati da banche, politica e burocrazia non fermano la provvidenza. La promozione umana, oggi come al tempo dei monaci che a Fontanigorda praticavano l'allevamento ittico, si costruisce attraverso costanza e impegno, valori che possono realizzare grandi progetti anche in Valtrebbia.

 

 

tratto dal N° 1 del 02/01/2014 del settimanale “La Trebbia"

 

Print
0 Commenti

Categorie: Le News, Le ScoperteNumero di visite: 634

Tags: pasticceriaberti